Il Meeting di Rimini propone un’altra interessante mostra sul restauro, in corso da tre anni, della Basilica della Natività a Betlemme. Un restauro che vede la partecipazione delle tre confessioni cristiane che gestiscono il luogo di culto: cattolici, greco-ortodossi e armeni apostolici. Luca Collodi ha sentito il coordinatore dei lavori, Giammarco Piacenti:

R. – Credo che le condizioni della Basilica fossero talmente difficili, in questo momento, che le tre confessioni che sono lì avevano veramente voglia di metterla a posto e di fermare questo terribile degrado.
D. – Che tipo di lavori vengono fatti sulla Basilica?
R. – Intanto, togliendo la pioggia che si infiltrava dal tetto: era un disastro vero. Quando si verificavano le “bombe d’acqua”, la chiesa si riempiva d’acqua e la portavano fuori con le pompe. Poi sono stati restaurati gli intonaci parietali, i mosaici parietali del periodo crociato, che sono, tra l’altro, veramente meravigliosi; abbiamo finito adesso il nartece e abbiamo iniziato il lavoro delle colonne, per le quali l’Autorità nazionale palestinese ha lanciato una campagna di raccolta fondi che si intitola: “Adotta una colonna”.
D. – Un lavoro che mette insieme anche persone di diverse fedi e di diverse realtà …
R. – Ci sono tanti ragazzi che lavorano, da parte palestinese, che sono nel nostro gruppo, sono di religione musulmana; comunque, la Basilica di Betlemme ha sempre ricevuto grande rispetto da parte della religione musulmana: è storico, questo; è sempre stata preservata, non è mai stata distrutta da loro né da tutte le invasioni che ha subito.

Read the complete article on it.radiovaticana.va