Giammarco Piacenti ci guida all’interno della mostra sul restauro della basilica della Natività a Betlemme allestita nella chiesa di San Domenico a Prato.

PRATO. Ci sono le descrizioni ma sono le foto a parlare da sole e raccontare i passaggi dell’importante restauro alla basilica della Natività a Betlemme. Pannelli dove l’immagine è accompagnata dalla spiegazione dell’intervento fatto oltre a delle foto giganti (scattate a Betlemme da Egisto Nino Ceccatelli e Matteo Piacenti) che formano la mostra “Restaurare il cielo”, curata da Mariella Carlotti, ospitata nel museo di San Domenico e visitabile fino al 28 dicembre. E che documenta l’avanzamento dello stato dei lavori del restauro della più importante chiesa al mondo affidati alla ditta Piacenti spa di Prato.

«Una mostra insolita – commenta Giammarco Piacenti – che nasce dall’esigenza di raccontare e documentare un evento epocale. Nessuno ha mai intrapreso un restauro di questo calibro che ha portato anche a scoperte importanti che vanno documentate bene». E’ Piacenti a farci da cicerone d’eccezione fra quelle foto che racchiudono secoli di storia.
«La mostra – aggiunge – prende il nome dalla prima conferenza che tenemmo a Prato ‘Restaurare il cielo’ che è pure il titolo del documentario di Tommaso Santi che ha girato all’interno della basilica. Volevo fare qualcosa per raccontare i nostri interventi così ho optato per il meeting di Rimini dove in una settimana hanno visto la mostra 20mila persone con le visite guidate (a queste vanno aggiunti i singoli visitatori, ndr).

Read the complete article on iltirreno.gelocal.it