Venerdì 16 dicembre 2016 a Roma alle ore 18,00 la Casa del Cinema propone l’anteprima “Restaurare il cielo”, il film-documentario di Tommaso Santi dedicato all’epocale restauro della Basilica della Natività di Betlemme.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Per le feste di Natale la Casa del Cinema sceglie di fare gli auguri al suo pubblico, agli appassionati d’arte e a quelli di cinema con l’anteprima di un film-documentario d’eccezione: RESTAURARE IL CIELO” di Tommaso Santi dedicato all’epocale restauro di uno dei tesori dell’umanità, la Basilica della Natività di Betlemme.

Il film verrà presentato alla presenza dell’autore venerdì 16 dicembre alle ore 18 nella Sala Deluxe.

Promosso nel 2013 dall’Autorità palestinese, il restauro della Basilica della Natività, inserita nel 2012 dall’Unesco nella lista dei monumenti patrimonio dell’umanità, ha coinvolto le tre confessioni che custodiscono il luogo della nascita di Cristo (ortodossi, cattolici e armeni), finanziatori da tutto il mondo e oltre 60 ditte specializzate a cominciare dall’italiana Piacenti che si è aggiudicata il bando per l’esecuzione dei lavori sotto la supervisione universitaria.

Fondata in epoca costantiniana e poi ricostruita nel VI secolo dall’imperatore Giustiniano, la Basilica ha attraversato tutta la storia della Palestina resistendo a invasioni, guerre, dominazioni; ma l’incuria, il tempo e le infiltrazioni hanno compromesso gravemente l’edificio rendendo necessario un grande restauro che ha dato vita, in questi anni, a un vero cantiere medievale, una “fabbrica del duomo” in cui le maggiori competenze e specializzazioni hanno ridato luce ai tesori perduti. Prima fra tutte la magnifica decorazione a mosaico del XII secolo, che comprende la processione angelica, di cui sono oggi sopravvissuti circa 130 mq di tessere musive originali, oggetto di un pensiero da parte di Papa Francesco. “Mi è stato riferito– ha detto in udienza nel giugno scorso – che nel corso dei restauri è venuto alla luce un settimo angelo in mosaico che, insieme agli altri sei, forma una specie di processione verso il luogo che commemora il mistero della nascita del Verbo. Questo fatto ci fa pensare che anche il volto delle nostre comunità ecclesiali può essere coperto da ‘incrostazioni’ … ma tutti voi con i vostri progetti e le vostre azioni potete cooperare a questo ‘restauro’ perché il volto della Chiesa rifletta la luce di Cristo”.

Read the complete article on lazionauta.it