A Betlemme coperto il 60% del programma. Si punta a 2019.

BETLEMME – Un intervento di restauro, emblema dell’eccellenza italiana e già diventato una mostra e un bel documentario, nonostante manchino ancora almeno due anni alla sua ultimazione: è quello che sta per recuperare interamente la Basilica della Natività a Betlemme, tra i luoghi di maggior importanza spirituale del pianeta, condotto dall’impresa pratese Piacenti SpA. ”Abbiamo ormai coperto il 60 per cento di questo programma di recupero, confidiamo di completare il restauro per il 2019. Non ci dovrebbero essere problemi, se saranno rispettati i tempi dei finanziamenti”, ha detto Giammarco Piacenti intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del progetto svoltasi oggi a Roma.

Promosso dall’Autorità Palestinese nel 2013, l’intervento ha finora richiesto investimenti per circa otto milioni di euro, uno sforzo a cui partecipano 25 nazioni, dal Vaticano ai paesi europei alla Russia (il maggior finanziatore), dalla Turchia al Marocco, nonché da quattro banche e altrettanti investitori privati palestinesi. “Per portare a termine la totalità degli interventi – ha aggiunto Piacenti – servono altri sei milioni e devo dire che nell’elargizione dei fondi non abbiamo fin qui subito ritardi”. Dopo tre anni e mezzo trascorsi a Betlemme, il restauratore sembra aver capito come funzionano le cose. Del resto il progetto prospettato dalla sua azienda è stato selezionato tra molti altri competitor di dimensioni internazionali (“in fondo eravamo rimasti in tre, noi, una grande impresa russa e una americana”) per l’esperienza accumulata in anni e anni di attività, per qualità e affidabilità, che avrebbero garantito tra l’altro la trasformazione di quel restauro in una vera e propria occasione di studio.

Read the complete article on ansa.it